La realtà aumentata spiegata ai bambini
NON SONO ALLUCINAZIONI, E’ TUTTO VERO. O QUASI. Vorrei sapere come starebbe un divano angolare nel mio salotto. O forse è meglio mettere 2 divani, un due posti ed un tre posti, con una bella lampada a stelo tra i due? Vorrei farmi un tatuaggio, ma se poi non mi piace? Vorrei poter vedere prima come mi sta. Sono indeciso: sul braccio o su una spalla?Mi piacerebbe vedere un gattino zampettare sulla mia scrivania, ma senza che sporchi. O magari un mini dinosauro. Avere una visione tridimensionale del proprio salotto con un divano che in realtà ancora non abbiamo comprato? Vedere il nostro corpo tatuato, senza ancora aver deciso esattamente cosa o dove farci tatuare?Avere animali, magari preistorici, che zampettano sulla nostra scrivania senza per questo doverla buttare? Beh, tutto questo è possibile. Non è fantascienza; è realtà: realtà aumentata. Per aiutarvi a raccontare la realtà aumentata ai vostri bambini su www.accademiadeglistracuriosi.it abbiamo pubblicato un contenuto di edutainment tutto dedicato alle tecnologie 4.0. Protagonista di questo contenuto è Domitilla, responsabile dell’innovazione tecnologica del Natale, che spiegherà ai vostri bambini non solo cos’è la realtà aumentata ma anche cosa sono la stampa 3d, la realtà virtuale e l’internet delle cose. Ma […]
01 Dic 2019 in SOS teatro
I suoni della città di Matera risuonano ad Edimburgo con SILENT CITY
L’Opera lirica inedita di comunità di Silent City,  che andrà in scena in prima esecuzione assoluta dal 29 novembre al 1 dicembre 2019  per il programma ufficiale di Matera 2019,  ha visto la costante partecipazione delle comunità del territorio lucano, e di Matera in particolare, per la sua costruzione.  Ogni parte dell’Opera, dalla drammaturgia alla composizione, dall’orchestrazione alla messa in scena, ha coinvolto oltre 150 persone che hanno lavorato assieme ad artisti locali e internazionali. A tre mesi dalla prima, Silent City si arricchisce ancora una volta di una grande esperienza internazionale e innovativa grazie al supporto dell’Istituto Italiano di Cultura di Edimburgo e il partner britannico Opera Circus. La Scuola di Musica Elettronica e Applicata del Conservatorio di Musica “E.R. Duni” – Matera” il suo spin off il collettivo MaterElettrica e la sezione di musica elettronica della The University of Edinburgh stanno lavorando insieme e con il compositore Nigel Osborne e i due professori Fabrizio Festa e Peter Nelson per creare la partitura elettronica dell’Opera. Assieme a loro,  giovani studenti che hanno avuto l’opportunità di essere parte di questo grande lavoro collettivo. Questa ultima e importante fase del nostro processo artistico è stata possibile grazie alla collaborazione con l’Italian […]
20 Set 2019 in News sull'Albero
Imparare e giocare con la lingua inglese!
Le metodologie teatrali come strumenti didattici privilegiati per imparare la lingua inglese. Per maggiori informazioni sui corsi di Learn&Play English chiamaci al numero +39 349.27.44.842. Inglese e Teatro, che strano connubio! Eppure, se ci pensate bene, quale migliore attività potrebbe migliorare le nostre capacità di espressione e comunicazione, se non proprio quella teatrale? Le metodologie teatrali rientrano in quelle che in genere vengono riconosciute come “metodologie di apprendimento non formale”, le quali permettono, attraverso la creatività e le leve esperienziali, di facilitare, dare impulso e ospitare processi complessi di apprendimento. Attraverso l’utilizzo di tali metodologie, il percorso artistico e quello didattico si alternano e si fondono: da un lato i bambini vivono l’esperienza del tentare, dello sperimentare, della palestra attiva; dall’altro vivono anche l’esperienza del comprendere, del fissare e del cogliere le frontiere superate per farle diventare patrimonio e comportamento acquisito. Nel passato, i metodi di insegnamento della lingua inglese si sono spesso concentrati sulla parte scritta della lingua, allontanandosi dal modo in cui normalmente impariamo la nostra lingua nativa, ovvero attraverso l’ascolto e la conversazione. In realtà, molti linguisti contemporanei affermano invece che è importante avvicinarsi alla lingua straniera seguendo lo stesso percorso di acquisizione della lingua materna: privilegiando all’inizio […]
16 Set 2019 in La Scuola sull'Albero
Andare al cinema passando dal museo
Uno degli Stracuriosi che abbiamo realizzato con il nostro progetto SOS Teatro è Ringo, lo stracurioso del cinema che trovate sulla nostra piattaforma di edutainment www.accademiadeglistracuriosi.it! Vi abbiamo già parlato di lui, dei suoi video e dei suoi giochi educativi nell’articolo “Quando i bambini scoprono il cinema” e, dato che crediamo fortemente nell’importanza della divulgazione delle arti abbiamo ancora un consiglio da darvi. Come la Torre Eiffel per i Parigi, il Colosseo per Roma, la Torre pendente per Pisa, così la Mole Antonelliana è il monumento simbolo della città di Torino. Inizialmente concepita come sinagoga, la Mole Antonelliana diventa nel 1958 sede di uno tra i più importanti allestimenti espositivi dedicati al cinema: il Museo Nazionale del Cinema. Un museo adatto anche ai più piccoli nel quale NON è vietato toccare All’interno del monumento torinese, trasformato nel “tempio” della settima arte, la visita inizia con la zona che racconta il cinema prima del cinema. Qui si trovano lanterne magiche, ombre cinesi, giochi di specchi, lenti: tutto si può toccare e sperimentare, per un primo approccio con le immagini e le loro riproduzioni. Tutto è a misura di bambino, le esposizioni sono interattive e le ambientazioni dei film diventano reali. Segue, […]
05 Set 2019 in SOS teatro
Quando i bambini scoprono il cinema
Il cinema come esperienza attiva Il cinema è ormai ampiamente riconosciuto come medium che può incidere in maniera approfondita nel processo di apprendimento, anche dei più piccoli. Oggi i bambini, attraverso il video, che sia televisivo o cinematografico o di un computer,  possono fare esperienze di identificazione con personaggi diversi, possono calarsi in situazioni lontane per tempo e per luogo, oppure così vicine da sembrare vere. In questo modo  possono provare forti emozioni e accedere alla fantasia. E’ quindi importante fare in modo che questa esperienza non si riduca ad una fruizione passiva di immagini e suoni, ma sia di natura personale e positiva. Andare al cinema, ad esempio, anche per un bambino è un’esperienza diversa da quella di guardare un film alla televisione, in casa; e può essere un momento importante nella crescita sia intellettuale che psicologica dei più piccoli. Guardare un film al cinema piuttosto che a casa, presuppone un diverso percorso mentale che va dal desiderio di vedere un film, alla scelta (magari ne hanno parlato a scuola, con i compagni e le compagne; o magari hanno visto uno spot che li ha incuriositi), all’aspettativa di trascorrere un momento piacevole con i genitori, o magari anche con […]
01 Set 2019 in SOS teatro
Che fine hanno fatto gli attori in bianco e nero?
Divorzio all’italiana – Sedotta e abbandonata – I soliti ignoti –  Il vedovo – il vigile – Pane, amore e fantasia – Totò contro i quattro – Riso amaro – Ladri di biciclette – 8 e mezzo – Il sorpasso – Roma città aperta – La dolce vita – I mostri – Bellissima – Mamma Roma – Il Conte Max – Napoli milionaria – La famiglia Passaguai – Poveri, ma belli… Questi sono solo alcuni titoli tra i migliori film in bianco e nero che tutti dovrebbero conoscere, eppure sembra incredibile, ma sono tanti i ragazzi che non conoscono e che non hanno mai sentito parlare di quegli attori che hanno fatto la storia del teatro e del cinema italiano. E non solamente i più piccoli; a volte confrontandoci con ragazzi trentenni, scopriamo che ignorano certi personaggi che invece diamo per scontato che conoscessero. Non parliamo di Petrolini morto nel ’36 (del quale proponiamo comunque di vedere il suo famoso personaggio GASTONE che ha ispirato molti attori, tra i quali Pino Caruso e Luigi Proietti) o di Gilberto Govi che è uscito definitivamente dalla scena della vita nel 1966. (Vi invitiamo a guardare una delle sue migliori interpretazioni in SOTTO […]
31 Ago 2019 in SOS teatro
Big Data: una rivoluzione anche nel mondo del cinema
Le più importanti organizzazioni del mondo stanno investendo negli analytics per scoprire e sfruttare più facilmente le informazioni chiave contenute all’interno dei dati che possono favorire azioni strategiche per il business. Cosa sono gli analytics? Papone, lo Stracurioso dei Big Data che abbiamo pubblicato sulla piattaforma Accademia degli Stracuriosi (www.accademiadeglistracuriosi.it) è in grado di spiegarlo non solo a voi ma anche ai vostri bambini e per farlo utilizza video e giochi divertenti, andate a dare uno sguardo! E tra i settori produttivi che cercano di sfruttare i Big Data il cinema non fa eccezione. Fame di Dati Il settore cinematografico è tra quelli che richiedono una continua disponibilità di dati. Fin dal momento in cui il film non è che un progetto in stato embrionale, sino alla sua uscita in sala, l’industria cinematografica fa incetta di dati mettendo in gioco gli analytics, strumenti in grado di analizzare e mettere in correlazione una grande quantità di dati. Prima ancora che entri in produzione si stima come un film sarà accolto dal pubblico, valutando diverse variabili tra le quali: il regista, gli attori, il genere, il paese di produzione, la stagione in cui si prevede di distribuirlo, ecc. Biancaneve vs Shrek Se […]
01 Ago 2019 in SOS teatro
Camminando sulla luna
Neil Armstrong, Michael Jackson, Marcel Marceau: un astronauta, un cantante e ballerino pop e un mimo. Cosa hanno in comune questi tre personaggi? Neil Armstrong, lo sappiamo, è l’uomo che per primo ha messo piede sulla Luna, l’uomo del primo passo sul nostro satellite. Michael Jackson usava un caratteristico passo di danza, il “moonwalk”, da lui presentato per la prima volta nel 1983 e che per trent’anni ha rappresentato un suo vero e proprio marchio di fabbrica. In questo video possiamo ammirarlo nella sua camminata lunare. Quello che però forse non tutti sanno è che il moonwalk è stato inventato dal famoso mimo francese Marcel Marceau, come possiamo vedere in questo Video tratto dal film “L’Ultima follia di Mel Brooks” Infatti, Michael Jackson era un accanito fan del mimo francese. La prima volta che si incontrarono fu a Londra durante una tournée di Marcel Marceau. In quell’occasione Michael Jackson espresse la sua ammirazione per la camminata contro vento del mimo. Mentre però il passo inventato dal mimo francese procedeva in avanti, il cantante statunitense se ne appropriò modificandone l’andatura in senso inverso. Tutti e tre quindi, in un modo o nell’altro, sono diventati celebri grazie ad un “passo” legato alla […]
24 Lug 2019 in SOS teatro
Tre film per celebrare il primo allunaggio
L’anno 2019 è un anno speciale per gli appassionati delle missioni spaziali. Infatti, esattamente 50 anni fa, il 20 luglio 1969, l’uomo mette piede sulla luna. Nozze d’oro, quindi, per l’astro d’argento con la Terra. Prima del “piccolo passo” di  Armstrong, la Luna sembrava così lontana ed inaccessibile. Messa lì solo per ispirare i poeti, creare suggestioni romantiche, accompagnare i giovani sposi nella loro “Luna di miele” e spesso a risvegliare i licantropi ed a far da cornice ai convegni di streghe nei sabba, durante le notti di Luna piena. Dal piccolo passo per l’uomo al grande passo per l’umanità, ecco che la Luna diventa più concreta. Il suo fascino resta immutato, ma si apre un nuovo interesse: quello scientifico. Noi abbiamo deciso di omaggiare l’anniversario dell’allunaggio dedicando alla Luna un intero contenuto della nostra piattaforma di edutainment www.accademiadeglistracuriosi.it. Iscrivendovi alla piattaforma troverete lo Stracurioso John Whitemoon che con i suoi video e i suoi giochi educativi aiuterà bambini e famiglie a imparare tante cose sulla luna divertendosi insieme. E per celebrare il “Moon Day” , ovvero il 50° anniversario dello sbarco sulla Luna, tornano” in auge” anche i film che hanno raccontato le imprese dei primi astronauti. Curiosità Lo […]
19 Lug 2019 in SOS teatro
Big Data: potenzialità o minaccia?
Immaginiamo che tutta l’umanità corra su un enorme tapis roulant. Supponiamo quindi di correre ad una velocità di 20 km orari e di poterlo fare a lungo, senza stancarci. Ad un certo punto la velocità del tapis roulant aumenta passando progressivamente a 30 km orari. Qualcuno riuscirà senza problemi ad adeguarsi alla nuova velocità, altri lo faranno ma con fatica, altri ancora dovranno abbandonare la corsa sapendo di non farcela. Se poi la velocità aumentasse ancora e poi ancora, a qualcuno gioverebbe l’allenamento precedente per migliorare le sue prestazioni, ma tanti altri verrebbero sbalzati fuori dal tappeto. Fino a quanto sarà possibile aumentare questa velocità? Finiremo prima o poi tutti per terra, o troveremo il modo di correre più velocemente adeguandoci di volta in volta alla velocità del tapis roulant che corre più velocemente della nostra naturale capacità di adattamento? Questa riflessione è nata dopo aver ascoltato la conferenza del Professore Mario Rasetti emerito di Fisica Teorica, tenutasi nel gennaio 2019 presso l’Accademia delle scienze di Torino. Vogliamo quindi condividere in questa pagina i contenuti essenziali emersi durante questo incontro, invitando chi alla visione del VIDEO DELLA CONFERENZA del Professore Mario Rasetti  disponibile su youtube, chiunque volesse approfondire. Ma prima […]
02 Lug 2019 in SOS teatro