SILENT CITY PRESENTA LA PRIMA OPERA LIRICA SCRITTA INSIEME AGLI ABITANTI DELLA BASILICATA MATERA 4 NOVEMBRE 2018 – PALAZZO LANFRANCHI dalle ore 10.00 alle ore 20.00
Silent City, progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 co-prodotto dalla Fondazione Matera – Basilicata 2019 e la Compagnia Teatrale l’Albero è un’Opera lirica interamente creata da artisti lucani, nazionali e internazionali insieme agli abitanti della Basilicata e della città di Matera in particolare. Dopo circa un anno di lavoro sulla co-creazione dell’Opera lirica contemporanea inedita che andrà in scena per il programma ufficiale di eventi di Matera 2019 (29 e 30 novembre – 1 dicembre 2019), presentiamo al pubblico la storia di Silent City e lo facciamo  attraverso due momenti: un’installazione dove il pubblico può provare ad entrare nel processo di creazione dell’Opera e un racconto/spettacolo assieme all’Orchestra SenzaSpine di Bologna, al Coro dell’Unibas. Ecco il programma completo degli eventi per il 4 novembre: Palazzo Lanfranchi – Chiesa del Carmine Dalle ore 10.00 alle ore 13.00 “Hai mai provato a dirigere un’orchestra? Entra e prendi la bacchetta. Dirigi l’Orchestra SenzaSpine.” Flash mob artistico-musicale per avvicinare il grande pubblico alla grande musica. Gli spettatori avranno l’occasione unica di salire sul podio e dirigere l’orchestra in prima persona. Il risultato sarà un mix di stupore e divertimento. Dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00 “Costruiamo insieme […]
Il compositore Nigel Osborne incontra gli studenti del Conservatorio Duni e il Coro Unibas
Oggi vi presentiamo un’altro dei nostri partner di Silent City : UNIVERSA MUSICA, associazione  dell’Università degli Studi della Basilicata  che comprende i due Conservatori delle città di Potenza e Matera, diretta artisticamente dal professor Dinko Fabris, docente di Storia della Musica. Il compositore Nigel Osborne,  che lavorerà con diverse comunità in questa settimana, ha chiesto di incontrare “la musica” della Basilicata e di Matera. Per il progetto è stato importantissimo accogliere la disponibilità del Conservatorio di Matera diretto dal M° Saverio Vizziello per fare un “incontro virtuale” con il compositore Egidio Duni. Oggi, 8 maggio, nell’ambito della nostra settimana di laboratori per la ricerca musicale per Silent City, presso l’Auditorium del Conservatorio Duni di Matera saranno  suonati estratti dell’opera di Duni “L’Isola dei pazzi” dagli studenti del Conservatorio. Il patrimonio musicale della città è un valore importantissimo soprattutto per quest’anno europeo del Patrimonio Culturale nella costruzione dell’Opera di comunità. Durante il pomeriggio gli artisti si sposteranno invece  nella sede di Potenza dell’Università del Francioso dove il compositore incontrerà il coro Unibas, diretto da Paola Guarino, costituito da 35 elementi stabili (studenti, docenti, dipendenti dell’Università o ex studenti) Il repertorio comprende capolavori del canto gregoriano, musica rinascimentale, barocca, classica e contemporanea con […]
In bocca al lupo a Matera
Un anno fa, durante #Passaggio2019,  insieme alla Compagnia dello IAC, Valentina Tramutola e Emanuele Curti abbiamo scritto a più mani tre monologhi per Matera recitati da un anziano, un bambino e una giovane. Per fare il nostro in bocca al lupo a Matera e a tutte le generazioni della #basilicata2019 abbiamo pensato di pubblicare il monologo dedicato al futuro.  (ph: Rocco Giove) FUTURO REMOTO La cosa migliore del futuro è che io là ancora non conosco nessuno. Mi guardo intorno e vedo già come saremo. Non cambia poi molto, è solo tutto un po’ meglio. Tutti riusciremo a gustarci quello che ci appartiene e a cui apparteniamo. Una vita più semplice, facile, tutti insieme. Si perchè io sarò diventato grande, e insieme a me i miei amici. Siamo al centro di una scommessa, con tutto il territorio che abbiamo intorno. Dalla murgia al mare della Puglia, dalla montagna alla Campania, e con l’Europa, i paesi del Mediterraneo, insomma l’umanità. In questo futuro che io vedo, studiamo tutti insieme per far crescere la voglia di avere cultura, di partecipare alle cose. Deve diventare necessario, e anche naturale, come andare in bici o scherzare on gli amici. Mi vedo già con i miei amici che passiamo davanti al museo […]