Mayday! Mayday! Mayday! – Giovedì 15 Giugno, Melfi

Nascondi Mostra info

10 giu 2017 in La Scuola sull'Albero

Author : Alessandra

Ogni gruppo di allievi è speciale, si sa. Perché ogni gruppo ha una sua storia e i suoi bisogni. Ma quando a misurarsi col teatro è un gruppo di nani di 7 anni, beh allora la faccenda si fa “seria”. È necessario “maneggiare” i bambini con cura e pazienza amorevole, soprattutto i più piccoli e soprattutto è necessario osservare.
Osservare e ascoltare anche quello che non dicono perché, esattamente come per la scena, le parole sono l’ultima cosa ad arrivare (e manco è detto). C’è prima il corpo che parla, lo sguardo, il gesto, anche il più insignificante.
Nello stesso tempo, la maestra di teatro deve togliersi dalla testa che il suo obiettivo sia insegnare qualcosa, ma tutt’al più guidare il bambino in un percorso di sperimentazione in cui misurarsi col proprio io-interiore. Cosa desideri? Di cosa hai paura? E, soprattutto, cosa pensi sia sbagliato in te? E cosa gli altri si aspettano da te? Sono queste le principali domande con cui, inconsciamente, anche i più piccoli si confrontano. E il teatro, con la sua straordinaria potenza, fornisce loro le risposte che cercano.

E così succede che la bimba che aspira a un inarrivabile modello di perfezione, si ritrova a doversi misurare con un personaggio tutto “sbagliato” e a doverlo amare per quello che è, con tutte le sue debolezze, perché voler fare bene è una cosa, non accettare l’errore è un’altra; mentre la bimba super-creativa finalmente trova il luogo in cui dar sfogo alla sua fantasia e dare vita ai suoi mondi immaginari. Succede che il bimbo un po’ testardo ed egocentrico piano piano scopre che la parola ‘insieme’ non annulla la parola ‘io’, ma al contrario la rafforza, mentre quello erroneamente definito iper-attivo, in realtà ha bisogno solo di coordinate e di sapere che ogni viaggio ha una sua meta da raggiungere e che treni persi e nubifragi possono ritardare una partenza, ma non annullarla. E poi succede che una bambina timorosa e insicura (più di una, in realtà) che per tutto il laboratorio è stata in scena senza mai proferir parola (seppur con un bel sorriso stampato fisso sulla faccia), in dirittura d’arrivo tiri fuori una voce tanto potente e una gestualità talmente assertiva da commuovere le maestre fino alle lacrime! E infine, per tutti, succede che il divertimento a volte è fatica, ma la fatica non è il contrario di piacere; che la stanchezza è la ben voluta se è la conseguenza di un duro e gratificante lavoro.

Il risultato di tutti questi felici accadimenti ha un nome: “Mayday! Mayday! Mayday!“, una divertente pièce teatrale scritta da Cristina Palermo e portata in scena a Melfi giovedì 15 giugno da 11 concentrati di energia pura: Gaia Acucella, Federico Capobianco, Aurora Caschetta, Giovanni Corbo, Maria Aurora D’Adamo, Elenoire D’Amato, Alice Giorgio, Alessio Laganaro, Sara Masut, Linda Sciretta e Benedetta Tartaglia insieme all’allievo del corso ragazzi Giuseppe Laganaro.

Il volo 815 dell’Oceanic Airlines è pronto per decollare. Destinazione: Las Vegas. I viaggiatori hanno tutti superato il check-in e anche lo sguardo intimidatorio della piccola hostess di linea. A prender posto sull’aereo sono tutti personaggi piuttosto stravaganti: a partire da una chiromante un po’ svampita per finire alla più grande star di telenovelas, Esteban Ramirez. Ma nessuno di loro arriverà mai nella famosa Sin City americana. L’aereo precipita e tutti si ritrovano su di un’isola sperduta, abitata da un gruppo di energiche e affamate indigene.

Gli eccentrici personaggi, interpretati dai piccoli allievi attori, sono la chiave umoristica di questo spettacolo che amplifica i difetti e i vizi dei nostri tempi quali la vanità, la superbia, l’egocentrismo e anche la dipendenza da internet per creare situazioni buffe e paradossali.

A condurre il laboratorio Alessandra Maltempo (che ha curato anche la regia) e Assunta Gastone.


CHI È DI SCENA? – TUTTI GLI APPUNTAMENTI

Venerdì 2 Giugno, ore 21.00
SOS GUARDIANI
Teatro F. Stabile, Potenza

Domenica 4 Giugno, ore 21.00
VIZIO DI FORMAT. Visioni dispotiche sulla TV
Teatro F. Stabile, Potenza

Martedì 13 Giugno, ore 21.00
MISTERO AL MUSEO
Teatro Pasolini, Lagopesole

Giovedì 15 Giugno, ore 21.00
MAYDAY! MAYDAY! MAYDAY!
Teatro Ruggiero II, Melfi

Domenica 18 Giugno, ore 21.00
A SCUOLA DI ME
Teatro Ruggiero II, Melfi

Mercoledì 21 Giugno, ore 21.00
GREENROCK
Teatro Ruggiero II, Melfi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *