IDENTITHINGS. Evento finale al Cecilia di Tito
Si conclude Venerdì 22 Gennaio 2016, alle ore 18.30 presso il Centro per la creatività “Cecilia” a Tito (PZ) il nostro progetto vincitore nell’ambito del programma “Progetti innovativi per l’avvio e la valorizzazione della rete dei Centri per la Creatività Giovanile”. IDENTITHINGS, questo il nome del progetto, è stato un percorso lungo e intenso in cui abbiamo individuato e sperimentato insieme ai nostri partner Liberascienza, La Luna al Guinzaglio, Vivid Light, Zero in Condotta e kr3m GmbH, una metodologia di co-progettazione tra professionisti di diversa formazione (artisti, artigiani, ricercatori, designer, pensatori) e fra questi e la comunità di riferimento; metodologia finalizzata alla narrazione del territorio attraverso specifici prodotti culturali che nella fase finale si sono concretizzati in oggetti di design. Nell’ideazione di questo progetto abbiamo fatto innanzitutto riferimento a quella che da sempre è la coordinata che guida la vision del nostro lavoro ovvero: la trasversalità. E’ trasversale infatti l’utilizzo del nostro linguaggio teatrale (che va dalla divulgazione culturale, alla promozione e sensibilizzazione su temi sociali, all’educazione per l’infanzia); così come è trasversale la metodologia di studio e di azione utilizzata all’interno del nostro team, continuamente volta alla messa in comune dei saperi e delle competenze più disparati. E infatti la trasversalità, seppur applicata in un campo d’azione in parte più ampio e in […]
21 Gen 2016 in News sull'Albero
Identithings – Evento finale. La narrazione del territorio attraverso gli oggetti
Dopo un grande lavoro sul territorio che ha portato alla cooperazione di tante realtà locali e non, VENERDI’ al Centro per la Creatività “Cecilia” di TITO (ore 18.30) si conclude “Identithings”, il progetto vincitore nell’ambito del programma “Progetti innovativi” per l’avvio e la valorizzazione della rete dei Centri per la Creatività Giovanile. Un percorso che ha individuato e sperimentato una metodologia di co-progettazione tra professionisti di diversa formazione culturale (artisti, artigiani, ricercatori, designer, pensatori) e la comunità del territorio di riferimento finalizzata all’ideazione di oggetti e arredi votati alla narrazione di un territorio e alla loro realizzazione attraverso laboratori partecipati dei cittadini. Output del progetto quattro prototipi di oggetti di design che verranno presentati durante l’evento che racchiudono l’identità, la storia e la cultura della terra lucana. Il network di Identithings è costituito da : L’Albero| Tutti i rami della creatività (soggetto capofila), Liberascienza, Vivid Light, La luna al Guinzaglio, kr3m GmbH, Zero in Condotta. PROGRAMMA DELLA SERATA:- Cos’è Identithings. Il racconto delle fasi del progetto. – Talk su Cultura, innovazione e Narrazioni. Ne parliamo con: Cinzia Lagioia_DISTRETTO PUGLIA CREATIVA, Salvatore Fruguglietti_DIREZIONE COMUNICAZIONE DELLA SCIENZA – LE NUVOLE Paolo Montemurro_MATERAHUB – Laboratorio IDENTICARDS – Visita teatrale agli oggetti di design realizzati. L’ingresso all’evento è […]
19 Gen 2016 in News sull'Albero
Diritte, Umane
Spettacolo sui diritti umani. La Compagnia Teatrale L’Albero, in collaborazione con EMERGENCY, presenta lo spettacolo teatrale Diritte, Umane. “Chi perde un diritto, perde la voce, è una memoria diventata muta. Affidarsi a dei racconti, invece è già legge.“ Quattro donne per quattro luoghi: quelli dove si consuma la violenza domestica, si nega il diritto alla vita, si firmano dimissioni in bianco e si negano le infanzie. Con Donatella Corbo, Francesca Laurita, Alessandra Maltempo, Cristina Palermo. Regia Vania Cauzillo. POSTI LIMITATI. La prenotazione è obbligatoria con scelta dell’orario dello spettacolo al 349.8243232 Biglietto 10 Euro (direttamente al botteghino). Una parte del ricavato di questo spettacolo sarà devoluto all’ampliamento del centro maternità in Afganistan. http://www.emergency.it/afghanistan/anabah-centro-di-maternita.html Domenica 27 Dicembre VENOSA presso Porta Coeli International Art Gallery, Palazzo Rapolla – Vico San Domenico orari 18.00 – 19.15 – 20.30 Martedì 29 Dicembre MATERA presso Casa Netural Via Galileo Galilei, 1 orari 19.00 – 20.15- 21.30 Mercoledì 30 Dicembre POTENZA Sede Avis via Ciccotti, orari 19.00 – 20.15 – 21.30 Conosci i nostri PARTNERS? CASA NETURAL www.benenutural.com PORTA COELI www.portacoeli.it AVIS POTENZA www.avisbasilicata.it
26 Dic 2015 in News sull'Albero
Perché proprio ‘Alice’?
Scopri “Non chiamatemi Alice” la versione di “Alice nel paese delle meraviglie” della compagnia teatrale L’Albero. Prenota il tuo viaggio per lo spettacolo del 9 agosto a Melfi (PZ) o per quello del 12 agosto a Tito (PZ). Telefono: 349.82.43.232 Perché proprio ‘Alice’? Nel senso: perché raccontare questa favola e non un’altra? Di certo, Alice rappresenta un passaggio, e come tutti i passaggi è un valico fra epoche, e come tutti i valichi contiene già in sé una fortissima drammaturgia. La fascinazione di ‘Alice’ non la scopriamo adesso, ma è l’accento posto sul linguaggio multiplo la chiave della nostra reinterpretazione. A noi piace pensare che certi elementi siano metaforici e che solo la metafora, alla fine, basti a sé stessa. Ecco perché ‘Alice’ rimane un viaggio, ecco perché Alice – la bambina caduta nella tana di un coniglio – vada cercata, ecco perché ogni passo può essere dato in direzione di un personaggio, o meglio di un significato. ‘Non chiamatemi Alice’ è uno spettacolo che permette a chi lo guarda di scegliersi un quadro, una situazione, un colore violento o più tenue, una riflessione oppure no, una favola – l’ultima della giovinezza, magari, e la prima dell’età adulta – da farsi raccontare. ‘Alice’ […]
Alice: troppo disegnato per essere vero
Scopri “Non chiamatemi Alice” la versione di “Alice nel paese delle meraviglie” della compagnia teatrale L’Albero. Prenota il tuo viaggio per lo spettacolo del 9 agosto a Melfi (PZ) o per quello del 12 agosto a Tito (PZ). Telefono: 349.82.43.232 TROPPO DISEGNATO PER ESSERE VERO: ‘ALICE IN WONDERLAND’ E’ IL LIBRO PIU’ ILLUSTRATO CHE C’E’ All’inizio delle sue avventure, Alice è seduta in giardino e ha tra le mani un libro. Con un moto di stizza, Alice afferma che la mancanza di illustrazioni in un libro è assolutamente insopportabile: una reazione normalissima per un bambino, e soprattutto per una bambina come Alice, che dell’immaginazione – di lì a poco – farà un best seller. Di contro a questo primo tratto della bimba che seguì il Bianconiglio, ‘Alice nel Paese delle Meraviglie’ è tra i libri più illustrati in assoluto ad opera di illustratori professionisti: il contrario, a ben vedere, sarebbe insopportabile. E’ il modo più immediato per rendere sopportabile lo stesso Paese delle Meraviglie, troppo immaginifico, troppo complesso, troppo multidimensionale per essere ridotto a un volo fantastico. Così, dal 1864 – anno di pubblicazione del libro – in centinaia si sono cimentati a dare un contorno ad Alice e al suo Paese. Disegni che […]
Alice. Roba da bambini?
Scopri “Non chiamatemi Alice” la versione di “Alice nel paese delle meraviglie” della compagnia teatrale L’Albero. Prenota il tuo viaggio per lo spettacolo del 9 agosto a Melfi (PZ) o per quello del 12 agosto a Tito (PZ). Telefono: 349.82.43.232 ‘Alice’ è un libro per ragazzi che i ragazzi non preferiscono. Sarà perché quello che accade a questa bambina è francamente spaventoso, o sarà anche perché per tutta la durata del libro sembra che Alice se la vada proprio a cercare. Mettiamola così: Alice travalica il modello di bambina giudiziosa e obbediente che propalava la società vittoriana e si prende – in qualche caso – molte più libertà di un qualsiasi monello di strada, tipo OIiver Twist o Tom Sawyer. Di fatto, Alice capita in un mondo in cui vigono le regole degli adulti ma in uno strano modo paradossale. Non è poi così strano che nessun bambino desideri andare nel Paese delle Meraviglie, perché è un posto dove si cresce in maniera smisurata e disarmonica, in un attimo si passa dal meraviglioso privilegio di passare attraverso spiragli e porticine che immettono in mondi fantastici all’essere grandi, grossi e prigionieri, senza potersi spostare, condannati a restare fermi in un punto. E la cosa […]
Qual è l’oggetto che meglio racconta la tua Basilicata?
Nuova tappa per il progetto Identithings, che vuole raccontare i territori attraverso gli oggetti e il design partendo dalla Basilicata come primo luogo di sperimentazione. Dopo un primo step di co-progettazione (trovate il racconto qui) ora abbiamo bisogno di voi, dell’intera comunità dei lucani! Qual è per te l’oggetto che meglio racconta la tua Basilicata? Hai un oggetto, attuale o del passato, che più di altri ti lega emotivamente al tuo territorio? Fotografa, posta, racconta, descrivi, inviaci il tuo oggetto narrante la Basilicata! COME FARLO? 1) Dal tuo pc o smartphone: posta la tua foto sulla pagina Fb del progetto Identithings, sul tuo instagram o twitter con l’hashtag #identithings. Oppure inviaci un messaggio privato su Fb. 2) Insieme a noi: il 22- 23 – 24 Giugno 2015 a Potenza, alle 18. 00 nella sede del Salone dei Rifiutati (c/da Bucaletto) ci sarà la possibilità di portare il tuo oggetto emotivo, raccontare la storia che racchiude e che lo lega alla Basilicata, parlare assieme di come immaginarne altri che progetteremo assieme. Il laboratorio è gratuito ed è aperto a tutte le fasce d’età dai 7 ai 100 anni! (i bambini dovranno essere accompagnati). Per partecipare, uno dei tre giorni, basta scriverci una email sempre a info@identithings.com indicando Nome Cognome età […]
09 Giu 2015 in News sull'Albero
Parte oggi la fase operativa del progetto Identithings!
OVVERO COME TI RACCONTO IL TERRITORIO CON GLI OGGETTI! Ci piace da sempre mischiare, legare e intrecciare il teatro in altri luoghi che non siano i teatri. Nasce così la voglia di sperimentare la narrazione del nostro territorio in una maniera nuova, nasce ed entra da oggi nella fase operativa il progetto IDENTITHINGS. Leggere tra le trame di un tessuto o le venature di un materiale l’appartenenza di un oggetto a un territorio era finora qualcosa che ci rimandava prettamente a quei “souvenir” di dubbia utilità che ci ricordavano l’esperienza di un viaggio; oppure a quegli oggetti così strettamente legati alla sfera personale da non essere immediatamente comprensibili agli altri. E se invece ci fossero oggetti che possano narrare esplicitamente un luogo, una cultura, una storia? E se potessimo scegliere ciò che acquistiamo non solo seguendo l’estetica, la funzionalità o la sostenibilità, ma anche l’identità culturale? Questa è la domanda che ci siamo posti con “Identithings”, progettato grazie a “Visioni Urbane”, ideato e portato avanti da L’Albero, assieme a K3rm, Liberascienza, La Luna al guinzaglio, Vivid Light e Zero in condotta. Un team di creativi, studiosi, architetti, esperti del web e del riciclo dei materiali, che insieme genereranno dei prototipi di […]
20 Apr 2015 in News sull'Albero
Cena una volta Galileo
Racconto animato della Compagnia Teatrale de L’Albero e visita alla mostra “La tavola celeste” realizzata dall’associazione La luna al guinzaglio I più importanti luminari della scienza sono accorsi da tutto il mondo a Potenza per assistere alla mostra inaugurale della Tavola Celeste! Padrino dell’evento è nientepopodimeno che… Galileo Galilei in persona! Senonché, all’ultimo momento, l’inaspettato annuncio: l’illustre scienziato ha avuto un’indigestione ed è rimasto a casa. In sua vece ha però mandato la sua “promettente” assistente a cui Galileo ha affidato il compito di esporre a tutti le teorie che l’hanno reso famoso. Ma la ragazza mostra da subito una certa confusione e decisamente poca dimestichezza con le scoperte astronomiche del suo eminente maestro. Riuscirà a portare a termine l’arduo compito? Quando? Domenica 7 dicembre – ore 18.00 Dove? Museo Temporaneo (Potenza) Biglietto: per bambini dai 4 ai 10 anni il contributo è di € 5,00 Prenotazione obbligatoria mail: promozione@lalunaalguinzaglio.it telefono: 0971.476646 | 347.9315416 | 340.7998443
In bocca al lupo a Matera
Un anno fa, durante #Passaggio2019,  insieme alla Compagnia dello IAC, Valentina Tramutola e Emanuele Curti abbiamo scritto a più mani tre monologhi per Matera recitati da un anziano, un bambino e una giovane. Per fare il nostro in bocca al lupo a Matera e a tutte le generazioni della #basilicata2019 abbiamo pensato di pubblicare il monologo dedicato al futuro.  (ph: Rocco Giove) FUTURO REMOTO La cosa migliore del futuro è che io là ancora non conosco nessuno. Mi guardo intorno e vedo già come saremo. Non cambia poi molto, è solo tutto un po’ meglio. Tutti riusciremo a gustarci quello che ci appartiene e a cui apparteniamo. Una vita più semplice, facile, tutti insieme. Si perchè io sarò diventato grande, e insieme a me i miei amici. Siamo al centro di una scommessa, con tutto il territorio che abbiamo intorno. Dalla murgia al mare della Puglia, dalla montagna alla Campania, e con l’Europa, i paesi del Mediterraneo, insomma l’umanità. In questo futuro che io vedo, studiamo tutti insieme per far crescere la voglia di avere cultura, di partecipare alle cose. Deve diventare necessario, e anche naturale, come andare in bici o scherzare on gli amici. Mi vedo già con i miei amici che passiamo davanti al museo […]